logo

#sapeteche che su dati.lazio.it è disponibile anche un censimento sui pipistrelli nel Lazio?

Il progetto ha inizialmente censito le presenze di chirotterofauna a scala regionale, in particolare all'interno delle Aree Protette, con l'osservazione diretta, il bat-detector e i dati bibliografici.

Un'attività che ha proseguito con il monitoraggio costante delle specie e dei loro habitat naturali e che permette di utilizzare i dati raccolti come indicatori dello stato e della qualità dell'ambiente. Infatti, i pipistrelli sono ottimi bio-indicatori della qualità dell'ambiente e la loro presenza indica che in un "certo posto si vive bene".  

Sbirciando tra i dati, Censimento e Monitoraggio chirotteri, scopriamo che nel Lazio la specie di pipistrello più diffusa, con circa 3000 esemplari, è la Tadaria  Teniotis, o comunemente chiamato il "Molosso di Cestoni".

Media (0 Voti)

blog comments powered by Disqus