logo

Open Data, le notizie di ottobre

Che aria tira in Italia riguardo il tema degli open data? Da oggi, una volta al mese, tenteremo di tastare il polso del territorio aggregando le iniziative più significative o le notizie più interessanti in un unico articolo.
Per il mese di novembre iniziamo con la Regione Sardegna. Il 16 ottobre è partito il Contest Open Data Sardegna: concorso con l'obiettivo di valorizzare i dati pubblicati in formato aperto dalla Regione stessa. I partecipanti potranno riutilizzare i dati dando vita ad applicazioni, rappresentazioni visuali dei dati, articoli di data driven journalism o applicazioni per la rappresentazione di dati geo-riferiti. Un'iniziativa, questa, che punta a promuovere la cultura degli open data e a coinvolgere i cittadini del territorio per stimolarli riguardo la creazione di valore.
A Firenze, invece, l'amministrazione sta già raccogliendo pareri ed esperienze sull'utilizzo degli open data comunali, tanto da aver  recentemente pubblicato i risultati di un'indagine svoltasi tra il 22 maggio e il 21 giugno scorsi sulla "customer satisfaction sull'utilizzo dei dati comunali". L'indagine, che si si riferisce ai dati geospaziali del Comune, restituisce l'immagine di una cittadinanza che apprezza i dati aperti, ma che ancora non riesce a sfruttarli pienamente: il 33,8% degli interpellati afferma, infatti, di averli analizzati/elaborati, il 22,5% di averli geo-referenziati, il 18,3% di averli elaborati con report/infografiche, il 5% di averne usufruito per sviluppare servizi web o applicazioni.
Infine, gli open data sono stati anche un parametro grazie a cui è stato possibile giudicare il grado di smartness delle città italiane. Milano, Bologna e Roma sono i tre capoluoghi classificatisi primi nel rating "Trasformazione digitale", indicatore parziale dell'indagine ICity Rate 2017. A contribuire al buon posizionamento c'è, dunque, anche il fattore open data, sempre più determinante per lo sviluppo intelligente delle grandi città. 


Foto di copertina di annnie rilasciata in cc.
Media (0 Voti)

blog comments powered by Disqus